Tra le mani in #Ladakh

Le mani mi hanno sempre affascinato.

A partire da una stretta di mano, il primo incontro tra due persone, il primo contatto. Le mani.

Mani che scrivono, mani che salutano, mani che accarezzano, mani che dipingono, mani che portano, mani che applaudono, mani che coprono, mani che suonano, mani che si uniscono ad altre mani.

80

In questo capolavoro mi sono soffermata ad osservarle, per parecchio tempo.

Nelle mani si leggono storie di vita.

1

Quello che vi riporto ora sono frutto del meraviglioso regalo che Gio e Fra hanno voluto farmi.

Uno dei regali più belli che io potessi ricevere, ve lo giuro.

Questi scatti raccontano un viaggio faticoso in una zona del mondo che pochi conoscono e hanno avuto la fortuna di vedere:

LADAKH, “land of high passes” – in India.

Leh è la sua capitale, si trova a 1 ora e mezzo di volo da Delhi, a 3500 mt d’altezza racchiusa all’estremo nord tra le catene montuose del Karakorum e dell’Himalaya. È chiamato piccolo Tibet, Shangri-La o paese degli alti valichi, nomi che provano a evocare, senza riuscirci completamente, la meravigliosa sensazione di trovarsi in una terra unica al mondo. Questo è ciò che mi ha trasmesso il contenuto del cd che mi è stato spedito via posta raccomandata lunedì scorso.

“Non ti dico dove vado, lo scoprirai” 

“Mandami il tuo logo, deve essere di altà qualità” 

“La tua sorpresa è atterrata, spero sia viva” (e qui ho iniziato a farmi seri viaggi mentali)

 

Questi sono alcune delle gran informazioni che Gio mi aveva inviato per cui io, non sapevo assolutamente nulla.

Dovevo aprire due buste, la numero 1 e la numero 2. Così mi era stato detto per messaggio.

Nella prima una lettera, nella seconda un cd.

Non so più in quale delle due c’era il mio logo TRAVELMOOD, presa dall’emozione non ricordo,

l’ho stretto tra le mani e poi ho caricato gli scatti, non riuscivo più a fermarmi perchè erano uno più incredibile dell’altro.

Gli occhi hanno iniziato a riempirsi di lacrime, pensare che il mio logo fosse stato toccato da ognuno di loro, fosse stato a pranzo con loro, fosse salito su trasporti eccezionali, avesse raggiunto 5600 mt d’altezza, avesse lavorato la terra e soprattutto avesse visto tanti sorrisi, mi ha fatto seriamente emozionare.

 

Vorrei abbracciare una ad una queste persone 🙂

Mi è come sembrato di aver visto con i miei occhi quei paesaggi, quei volti unici, quei bimbi sorridere.

2 3 4 5 8614 13 12 11 10 15 16 16a 17 17a 18 19 19a 20 21 24 25 26 27 30 31 32 33 35 41 39 38 37 36 40 49 48 45 44 43 42 50 51 52 53 54 60 59 58 57 56 55 61 66

Non riuscivo più a mollare quel logo, quelle foto, quel bellissimo modo di stupirmi di Gio. Ha voluto raccontare assieme a Fra, il suo viaggiare e la sua straordinaria avventura Indiana, l’ha fatto nel modo più originale, almeno per me.

Non smetterò mai di ringraziarli.

 

Ora voglio solo conoscere Francesca e abbracciare Giovanni.

33a 81

CHEBBBBELLI CHE SIETE!

LIC

 

 

Annunci

8 pensieri su “Tra le mani in #Ladakh

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...