Berlino: street art & food

01

La capitale della Germania è senza alcun dubbio la metropoli che attualmente gode del maggior fermento artistico e culturale di tutto il vecchio continente.

Proprio per questo #Berlino non può essere visitata come qualsiasi altra capitale: ai classici itinerari turistici è infatti necessario affiancare la perlustrazione della Berlino più underground, senza la quale la conoscenza della città sarebbe del tutto parziale.

Anche solo passeggiando per la città – magari nei quartieri di Kreuzberg, Prenzlauer o Wedding – sarà infatti possibile ammirare le diverse opere dei tanti street artist che da tutto il mondo sono venuti a lasciare la propria firma per le strade della città, rendendola così, di fatto, un museo a cielo aperto.

02

Complementare all’osservazione è senza dubbio l’alimentazione!!

A Berlino anche l’alimentazione è underground: è per questo che lo street food domina la scena gastronomica cittadina, risultando un passaggio necessario per una vera immersione nella quotidianità berlinese.

Infatti in una città che non dorme mai e popolata da persone di ogni provenienza, il mercato del cibo offre soluzioni rapide e fantasiose ad ogni ora del giorno.

A farla da padrone è il curry wurst, chiaro esempio della dimensione pluriculturale della città. La composizione è tanto banale quanto unica: si tratta infatti di un ottimo wurstel condito con una salsa fatta di ketchup e curry. Risultato delizioso!!

Nato, come vorrebbe la tradizione, nel chiosco posto sotto la stazione della metropolitana di Eberswalder strasse a Prenzlauer, il currywurst può essere con facilità trovato ovunque, visto che sono tantissimi i chioschi che lo distribuiscono.

Molto noti e frequentati sono il Curry 36, a Kreuzberg in Mehringdamm, ovviamente al civico 36, ed il Curry 61 in Orianenburger strasse. Tuttavia tengo a segnalare anche il meno noto chiosco collocato lungo la Koepenicker strasse, giusto a due passi dalla famosa discoteca Tresor, aperto fino a notte fonda ed assolutamente autentico e tradizionale (a riprova di ciò, è uno dei pochissimi posti di Berlino in cui l’inglese non è ben parlato!).

03

Mentre si passeggia osservando i diversi graffiti che colorano le vie della città sarà facile imbattersi in un qualche venditore di doner kebab. Come saprete, a Berlino vive una comunità turca assai vasta e radicata, motivo per cui un buon panino mangiato qua non ha nulla da invidiare ad uno assaggiato ad Istanbul.

Basti pensare che il più famoso kebabbaro della città, Mustafa a Kreuzberg in Mehringdamm al 32, poco distante de Curry 36, è costantemente preso d’assedio e ci può volere anche un ora per essere serviti!!

Anche gli amanti dell’hamburger troveranno a Berlino pane per i loro denti.

Famosissimo è Burgermeister, un chiosco di fronte alla fermata della metro Schlesisches Tor totalmente tappezzato di adesivi di ogni genere, che serve fantastici hamburger di dimensioni spropositate, da accompagnare, per chi se la sente, con patatine fritte immerse nel chili!!

In ultimo, sempre parlando di hamburger, ma dedicato a chi cerca qualcosa di più particolare, è assolutamente da provare il Shiso Burger, in August strasse, che serve hamburger rivistati in chiave giapponese: non dubitate, la difficoltà con cui si può trovare posto ne certifica la qualità. Davvero una deliziosa esperienza!

Questi sono solo alcuni dei tantissimi spunti che la città di Berlino può offrire al visitatore. Nella capitale tedesca è possibile soddisfare ogni proprio personale interesse tra magnifici parchi, musei di fama internazionale o mercatini dell’usato improvvisati qua e là.

In una città rinata solo 25 anni fa dalle macerie del muro, la diverse componenti culturali possono liberarsi senza limiti e realizzare le proprie aspirazioni.

04

È proprio questo il sogno che la comunità berlinese è riuscita a costruire: una società imperniata sull’integrazione, dove un colletto bianco può gustarsi un currywurst di fianco ad uno studente uscito all’alba da una discoteca, dove i mendicanti sono incentivati a prodigarsi alla raccolta delle bottiglie di vetro per le strade e i parchi, e dove palazzi moderni si affiancano ad edifici fatiscenti decorati dalla bomboletta di un qualche ispirato artista.

05

Non sarà paragonabile ad una bella donna, come Roma o Parigi, ma di certo Berlino saprà coinvolgere ogni visitatore con la sua energia e con quel senso di ambita libertà, di cui è pregno ogni aspetto della poliedrica comunità locale.

MATTE D.

Annunci

4 pensieri su “Berlino: street art & food

    • Ciao Bea, mi fa piacere che il mio articolo abbia suscitato il tuo interesse! Conosco molto molto bene Berlino e la adoro, quindi ho subito letto il tuo post con molta attenzione e mi è piaciuto molto, proprio per la differenza di prospettiva. Quasi quasi direi che se uniti potrebbero rendere un immagine della città davvero a 360° (magari consigliando anche qualche locale per la sera!). Potremmo farne una pubblicazione incrociata creando una sorta di guida! PS: adoro anche io i mercatini e (soprattutto) il vin brulè che vi si trova (PPS: se ti ricapita ti consiglio il mercatino di spreepark, organizzato all’interno di un parco giochi abbandonato: sensazionale)!!” Matteo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...